Quiche di Cipolle

Ricetta Quiche di cipolle

Quiche di cipolle

Buongiorno amici, ecco un’altra delle mie quiche preferite: la quiche di cipolle!

Questa quiche, infatti, contiene un’altro ingrediente tra i tanti che adoro: le cipolle.

Probabilmente perché me le ha fatte amare il mio adorato papà. Era solito preparare il soffritto con le sole cipolle, tagliate a fette sottili. Poi, dopo averle fatte rosolare, le metteva in un piattino e io le finivo nel giro di un minuto. Leccavo per fino il piatto!

Per questa quiche ho utilizzato una base di pasta frolla di fave salata con uova, perché a me piace tantissimo. Se non volete una base con le uova potete utilizzare quella di fave senza uova. Se invece avete problemi con le fave, potete usare quella di quinoa salata senza uova.

E’ perfetta per una colazione salata o un pranzo all’aperto. Conquisterà anche i più scettici, parola di Elena!

Vi lascio alla ricetta, mi raccomando provatela e fatemi sapere nei commenti se vi è piaciuta!

Se vi fa piacere, condividete con me la vostra quiche di cipolle, magari con una foto nel mio gruppo FACEBOOK!

Questa quiche di cipolle è adatta a TUTTI i Gruppi Sanguigni, l’unica accortezza per il Gruppo Sanguigno A e il Gruppo Sanguigno AB è di non usare il peperoncino perché per loro è sconsigliato.

Fave: Neutre per tutti i GS

Cipolle: Benefiche per GS 0 – GS A – Neutre per GS B – GS AB

Olio di vinacciolo: Benefico per tutti i GS

Mandorle: Neutre per tutti i GS

Peperoncino: NeutrO per GS 0 – GS B – Sconsigliato per GS A – GS SB

8 comments for “Ricetta Quiche di cipolle

  1. Lucasiafede

    Con quale farina potrei sostituire la farina di fave?

  2. Sabrinamazza

    Ciao Elena, avrei tre dubbi:
    1- la quantità di olio mi è sembrata eccessiva perché il panetto non sono riuscita a farlo omogeneo e quando l’ho stesa si spaccava
    2- le cipolle le ho stufate con il coperchio ma sono rimaste bianche
    3 la quantità di latte rispetto alla farina di mandorle è molto di più e mi è rimasta molto liquida.
    Puoi aiutarmi a capire dove ho sbagliato?
    Grazie

    • In Cucina Con Elena

      Ciao Sabrina, certamente.
      1) i motivi della non riuscita della frolla possono essere: la farina diversa, non tutte assorbono i liquidi allo stesso modo, varia molto da dove è stata prodotta, con cosa è stata macinata e dove viene conservata. La grandezza delle uova (quando ho iniziato il blog non ho pensato alla diversità tra un uovo piccolo, medio o xl) può creare questo problema, infatti se le uova che hai usato fossero più piccole di quelle utilizzate nella ricetta, l’impasto non rimaneva insieme. Prendo spunto dal tuo commento per provare a rifarla e controllando anche le dosi di acqua e olio, segnando la grandezza delle uova corrette. Rimane comunque l’incognita farina 😉
      2) Le cipolle le ho stufate in quella wok un po’ vecchia, senza olio ne condimenti aggiunti. Non essendo molto antiaderente avevano attaccato, infatti dopo ho comprato le padelle nuove 🙂
      3) La quantità di latte è corretta, ma anche qui può dipendere dal tipo di latte utilizzato. Io uso un latte molto denso e concentrato di mandorle.
      Spero di esserti stata di aiuto, per qualsiasi altro dubbio non esitare a scrivermi.
      Un abbraccio
      Elena

      • Sabrinamazza

        Ciao Elena,eccoti alcuni dettagli in più:
        io mi rifornisco da biosballo (ci siamo conosciute ad un tuo show cooking , spero si scriva così, io sono quella dell’associazione kokoro)
        la farina l’ho comprata sfusa ma non l’ho denaturata, l’uovo della frolla è quello fresco biosballo e cerco sempre di scegliere quelle più grosse,invece le uova del ripieno erano esselunga (più piccoline).
        Il latte uso quello di biosballo naturale che avevi sponsorizzato tu perché mi piace molto.
        Quello che ti posso dire è che la frolla era molto unta e il ripieno fatto di uova farina e latte di mandorle tanto liquido.
        Ero pronta col piano B, ma il giorno dopo tutti quelli che l’hanno assaggiata l’hanno trovata buona ed è piaciuta a tutti. Anche a me è piaciuta. Vorrei solo fare meglio.

        • In Cucina Con Elena

          Sicuramente la farina se la denaturi puoi lavorarla meglio, l’uovo di biosballo non ho idea della grandezza e comunque non ricordo che tipo di uova o utilizzato in quella ricetta quindi in questo momento il paragone è impossibile. Per quanto riguarda il ripieno le dosi sono corrette, ma se le uova erano piccole può essere che non abbia addensato.

  3. Sabrinamazza

    ah dimenticavo, la farina non la tengo in frigo ma dentro uno stipite in cucina dentro a un contenitore di plastica a chiusura ermetica

Post a comment